Ti trovi in: Home / Competenze / Tutela del Consumatore / Clausole vessatorie / Consultazioni / CV203 - GENOA-CLAUSOLE RIMBORSO BIGLIETTI



Stampa

CV203 - GENOA-CLAUSOLE RIMBORSO BIGLIETTI


 AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

 CONSULTAZIONE IN MATERIA DI CLAUSOLE VESSATORIE

 Art. 37 bis del Codice del Consumo

(Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni)

CV/203 Genoa-Clausole rimborso biglietti

 Informata l’Autorità nella sua adunanza del 28 gennaio 2020, si dispone la seguente consultazione ai sensi dell’art. 23, comma 6 del “Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, violazione del divieto di discriminazioni e clausole vessatorie”, adottato dall’Autorità con delibera del 1° aprile 2015 (di seguito “Regolamento”).

IL PROCEDIMENTO

In data 7 gennaio 2020, è stato avviato il procedimento CV/203 Genoa-Clausole rimborso biglietti nei confronti della società Genoa Cricket and Football Club S.p.A. con riferimento agli artt. 10, 17 e 18 dei “Termini e Condizioni d'uso degli abbonamenti– Stagione 2019/20”.

SETTORE ECONOMICO INTERESSATO DALL’ISTRUTTORIA

Attività sportive e gestione di squadre di calcio che militano nel campionato di serie A.

CLAUSOLE OGGETTO DI VALUTAZIONE

Di seguito vengono riportate le clausole oggetto di valutazione nel presente procedimento, contenute nei “Termini e Condizioni d'uso degli abbonamenti– Stagione 2019/20”:

Art. 10. “La squalifica dello Stadio Luigi Ferraris di Genova nonché l’obbligo di disputare gare a porte chiuse e/o eventuali chiusure di settori e/o riduzione di capienza dell’impianto e/o l’eventuale disputa di partite in campo neutro disposti per legge, regolamenti o da altro atto o provvedimento di autorità pubbliche o sportive (inclusi, tra queste, gli organi di giustizia sportiva) o per lavori, ragioni di forza maggiore e/o di caso fortuito, così come la disputa di gare interne presso altri impianti di gioco diversi dallo Stadio Luigi Ferraris di Genova non generano alcun diritto al rimborso neppure pro quota, né tantomeno a indennizzi o risarcimenti e, nel caso eventuali spese di trasferta, queste saranno ad esclusivo carico del titolare dell’abbonamento”;

Art. 17. “La società Genoa CFC si riserva il diritto di modificare in ogni momento i Termini e Condizioni con efficacia immediata, anche per coloro che avessero già ottenuto l’emissione dell’abbonamento, anche in ipotesi di modifiche legislative e/o provvedimenti da parte della Pubblica Autorità. Le comunicazioni relative alle modifiche sono rese note tramite il sito www.genoacfc.it o mediante comunicazione via posta elettronica, invio di messaggio SMS con invito a consultare le modifiche sul sito internet o altrimenti per iscritto”;

Art. 18. “I presenti Termini e Condizioni qui riportati, sono regolati dalla legge italiana e dai regolamenti federali. Per qualsiasi controversia relativa alla validità, formazione, conclusione, interpretazione, esecuzione e risoluzione dei suddetti Termini e Condizioni, il foro esclusivamente competente è quello di Genova”.

PROFILI OGGETTO DI VALUTAZIONE

Le clausole degli artt. 10, 17 e 18 dei “Termini e Condizioni d'uso degli abbonamenti– Stagione 2019/20” appaiono vessatorie, ai sensi degli artt. 33, commi 1 e 2, lettere b), m) e u), nonché 34, comma 1, del Codice del Consumo.

In particolare, la clausola di cui all’art. 10 potrebbe risultare vessatoria ai sensi degli artt. 33, commi 1 e 2, lettera b), nonché 34, comma 1, del Codice del Consumo, nella misura in cui determina a carico dei consumatori un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto ed esclude i diritti e le azioni di questi ultimi nei confronti del professionista in ipotesi di inadempimento contrattuale imputabile alla società e di impossibilità sopravvenuta della prestazione. I profili di vessatorietà rilevati sembrano sussistere anche alla luce del complesso dell’intero contratto in cui sono inserite.

La clausola di cui all’art. 17 potrebbe risultare vessatoria ai sensi degli artt. 33, commi 1 e 2, lettera m), nonché 34, comma 1, in quanto attribuisce al professionista la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni d’uso degli abbonamenti, senza prevedere un giustificato motivo indicato nelle stesse.

La clausola di cui all’articolo 18 potrebbe risultare vessatoria ai sensi degli artt. 33, commi 1 e 2, lettera u), nonché 34, comma 1, in quanto appare volta ad imporre per le controversie relative alle condizioni contrattuali qui esaminate la competenza esclusiva del foro di Genova, in deroga a quello di residenza o di domicilio elettivo del consumatore.

SOGGETTI LEGITTIMATI A PARTECIPARE ALLA CONSULTAZIONE

Ai sensi dell’articolo 23, comma 6, del Regolamento, possono partecipare alla consultazione le associazioni di categoria rappresentative dei professionisti a livello nazionale e le camere di commercio o loro unioni che risultino interessate dalle clausole oggetto del procedimento, in ragione della specifica esperienza maturata nel settore. Possono altresì partecipare alla consultazione le associazioni dei consumatori rappresentative a livello nazionale riconosciute e iscritte nell’elenco di cui all’articolo 137 del Codice del Consumo.

MODALITA’ E TERMINI PER PARTECIPARE ALLA CONSULTAZIONE

Entro il termine perentorio di 30 giorni dalla pubblicazione del presente comunicato i soggetti interessati possono prendere parte alla consultazione per iscritto, inviando i propri contributi attraverso la casella di posta elettronica CV203@agcm.it, dedicata alla consultazione in oggetto, indicando la loro qualificazione e l’interesse a partecipare alla consultazione.

I commenti ricevuti non saranno oggetto di pubblicazione, ma verranno acquisiti e potranno essere utilizzati in relazione al caso CV/203 Genoa-Clausole rimborso biglietti. I soggetti che inviano i commenti, ove ritengano sussistere elementi di riservatezza, sono tenuti a fornire contestualmente una versione non confidenziale dei contributi resi.

In proposito si richiede di inviare informazioni, dati di esperienza, osservazioni o commenti sulle clausole oggetto di consultazione utili ai fini della valutazione delle stesse ai sensi degli artt. 33 ss. del Codice del Consumo.

Termini e Condizioni d'uso degli abbonamenti– Stagione 2019/20