Ti trovi in: Home



Stampa

CV210 - LAZIO-CLAUSOLE RIMBORSO BIGLIETTI


AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

 CONSULTAZIONE IN MATERIA DI CLAUSOLE VESSATORIE

 Art. 37 bis del Codice del Consumo

(Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni)

 CV/210 Lazio-Clausole rimborso biglietti

Informata l’Autorità nella sua adunanza del 28 gennaio 2020, si dispone la seguente consultazione ai sensi dell’art. 23, comma 6 del “Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, violazione del divieto di discriminazioni e clausole vessatorie”, adottato dall’Autorità con delibera del 1° aprile 2015 (di seguito “Regolamento”).

IL PROCEDIMENTO

In data 7 gennaio 2020, è stato avviato il procedimento CV/210 Lazio-Clausole rimborso biglietti nei confronti della società S.S. Lazio S.p.A. con riferimento alle clausole di cui alle lettere A e C delle “Condizioni di sottoscrizione dell’abbonamento” per la Stagione 2019/20.

SETTORE ECONOMICO INTERESSATO DALL’ISTRUTTORIA

Attività sportive e gestione di squadre di calcio che militano nel campionato di serie A.

CLAUSOLE OGGETTO DI VALUTAZIONE

Di seguito vengono riportate le clausole oggetto di valutazione nel presente procedimento, contenute nelle “Condizioni di sottoscrizione dell’abbonamento” per la Stagione 2019/2020:

A) L’abbonamento dà diritto ad assistere alle partite interne del Campionato di Serie A 2019/2020 della Prima Squadra della S.S. Lazio, in conformità al calendario - date, ore e luoghi - emessi dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A e sue variazioni, nel posto indicato sulla S.S. LAZIO HOME CARD o sul segnaposto della S.S. LAZIO MILLENOVECENTO FIDELITY CARD. Variazioni di data, orario o luogo di disputa delle partite non daranno pertanto diritto al rimborso del prezzo pro-quota dell’abbonamento, né a risarcimenti di qualsivoglia natura […]”;

C) […] Nel caso di chiusura di uno o più settori dello Stadio in cui si trova il posto dell’abbonato, la S.S. LAZIO metterà a disposizione un tagliando sostitutivo per altro settore – sempre che l’abbonato non abbia concorso a causare la responsabilità, neppure oggettiva, della S.S. Lazio. Nei casi di squalifica del campo con disputa della partita in altro stadio, l’abbonato – sempre che non abbia concorso a causare la responsabilità, neppure oggettiva, della S.S. Lazio - avrà diritto ad un tagliando sostitutivo per assistere alla partita in altro stadio (salvo effettiva disponibilità), o, a sua scelta, ad un tagliando di ingresso per un’altra gara casalinga, non ricompresa nell’abbonamento, individuata a discrezione della Società; le spese di trasferta saranno in ogni caso a carico del titolare dell’abbonamento. Nei casi di obbligo di disputare le partite a porte chiuse, l’abbonato – sempre che non abbia concorso a causare la responsabilità, neppure oggettiva, della S.S. Lazio - avrà diritto ad un tagliando per un’altra gara casalinga, non ricompresa nell’abbonamento, individuata a discrezione della società. È in ogni caso escluso il diritto al risarcimento dei danni, salvo il caso di inadempimento colpevole della S.S Lazio”.

PROFILI OGGETTO DI VALUTAZIONE

Le clausole di cui alle lettere A e C delle “Condizioni di sottoscrizione dell’abbonamento” per la Stagione 2019/2020, appaiono vessatorie, ai sensi degli artt. 33, commi 1 e 2, lettera b), nonché 34, comma 1, e 35, comma 1, del Codice del Consumo,  nella misura in cui determinano a carico dei consumatori un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto ed escludono/limitano i diritti e le azioni di questi ultimi nei confronti del professionista in ipotesi di inadempimento contrattuale imputabile alla società e di impossibilità sopravvenuta della prestazione. Inoltre, le clausole sopra riportate non sembrano rispondere al requisito di chiarezza e comprensibilità per i consumatori previsto dal citato art. 35. I profili di vessatorietà rilevati sembrano sussistere anche alla luce del complesso dell’intero contratto in cui sono inserite.

SOGGETTI LEGITTIMATI A PARTECIPARE ALLA CONSULTAZIONE

Ai sensi dell’articolo 23, comma 6, del Regolamento, possono partecipare alla consultazione le associazioni di categoria rappresentative dei professionisti a livello nazionale e le camere di commercio o loro unioni che risultino interessate dalle clausole oggetto del procedimento, in ragione della specifica esperienza maturata nel settore. Possono altresì partecipare alla consultazione le associazioni dei consumatori rappresentative a livello nazionale riconosciute e iscritte nell’elenco di cui all’articolo 137 del Codice del Consumo.

MODALITA’ E TERMINI PER PARTECIPARE ALLA CONSULTAZIONE

Entro il termine perentorio di 30 giorni dalla pubblicazione del presente comunicato i soggetti interessati possono prendere parte alla consultazione per iscritto, inviando i propri contributi attraverso la casella di posta elettronica CV210@agcm.it, dedicata alla consultazione in oggetto, indicando la loro qualificazione e l’interesse a partecipare alla consultazione.

I commenti ricevuti non saranno oggetto di pubblicazione, ma verranno acquisiti e potranno essere utilizzati in relazione al caso CV/210 Lazio-Clausole rimborso biglietti. I soggetti che inviano i commenti, ove ritengano sussistere elementi di riservatezza, sono tenuti a fornire contestualmente una versione non confidenziale dei contributi resi.

In proposito si richiede di inviare informazioni, dati di esperienza, osservazioni o commenti sulle clausole oggetto di consultazione utili ai fini della valutazione delle stesse ai sensi degli artt. 33 ss. del Codice del Consumo.

Condizioni di sottoscrizione dell’abbonamento” per la Stagione 2019/2020