Ti trovi in: Home / Media / I822 - Antitrust: gara Consip servizi di Gestione Integrata della Salute e Sicurezza (edizione 4), sanzione di oltre 3 milioni di euro per intesa restrittiva della concorrenza.



Stampa

I822 - Antitrust: gara Consip servizi di Gestione Integrata della Salute e Sicurezza (edizione 4), sanzione di oltre 3 milioni di euro per intesa restrittiva della concorrenza.


COMUNICATO STAMPA


immagine allegata

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 18 settembre 2019, ha concluso il procedimento I822, accertando la sussistenza di un’intesa anticoncorrenziale, in violazione dell’art. 101 del TFUE, avente ad oggetto il condizionamento nell’ambito della gara indetta da Consip S.p.A. nel dicembre 2015, relativa alla fornitura dei servizi di Gestione Integrata della Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro presso le Pubbliche Amministrazioni, quarta edizione, il cui valore complessivo era pari a 100 milioni di euro.

In particolare, l’Autorità ha accertato che le principali società del settore, vale a dire Com Metodi S.p.A. e Sintesi S.p.A., in qualità di mandatarie di altrettanti Raggruppamenti Temporanei di Impresa (RTI), e Igeam S.r.l., in RTI con le società Igeamed S.r.l. e Igeam Academy S.r.l., hanno posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza, volta alla spartizione dei lotti oggetto di gara e alla cristallizzazione del mercato, attraverso la presentazione di offerte a scacchiera tali da eliminare di qualsivoglia confronto competitivo tra esse nei lotti di rispettivo interesse. 

L’intesa accertata, neutralizzando il meccanismo del confronto concorrenziale nell’ambito di una procedura di gara pubblica, rientra tra le violazioni più gravi della concorrenza, poiché impedisce che le procedure di gara rendano possibile un miglioramento in termini di prezzo, qualità e innovazione nella fornitura del servizio alla Pubblica Amministrazione e, dunque, alla collettività. In ragione della gravità dell’infrazione, l’Autorità ha pertanto inflitto alle società una sanzione complessivamente pari ad oltre tre milioni di euro.

Nel corso del procedimento, l’Autorità si è avvalsa dell’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

 Roma, 2 ottobre 2019