Ti trovi in: Home / Media / Comunicati stampa / A521 - Radiotaxi Torino, aperta istruttoria per abuso di posizione dominante



Stampa

A521 - Radiotaxi Torino, aperta istruttoria per abuso di posizione dominante


COMUNICATO STAMPA


immagine allegata

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato, a seguito di una segnalazione della società Mytaxi Italia S.r.l, un procedimento istruttorio per possibile abuso di posizione dominante (in violazione degli articoli 102 TFUE e 3 della legge 287/90), nei confronti della società di gestione del servizio radio taxi a Torino, Società Cooperativa Taxi Torino, cui aderisce oltre il 90% dei tassisti attivi a Torino. Contestualmente, è stato avviato un procedimento cautelare per valutare la sussistenza dei presupposti per l’adozione di una misura provvisoria volta ad impedire che proseguano le condotte attribuibili alla cooperativa.

Il procedimento riguarda le clausole contenute nello Statuto della Società Cooperativa Taxi Torino che individuano obblighi di non concorrenza a carico degli aderenti alla cooperativa, nonché le esclusioni di alcuni tassisti soci che hanno violato detti obblighi.
Gli obblighi di non concorrenza sono volti ad impedire l’utilizzo simultaneo da parte dei tassisti aderenti alla cooperativa di più intermediari per la fornitura di servizi di raccolta e smistamento della domanda di taxi, vincolandoli a destinare tutta la propria capacità (in termini corse/turno) alla cooperativa stessa. In quanto applicati ad una percentuale maggioritaria dei tassisti in un dato ambito territoriale (come accade a Torino), essi appaiono idonee a impedire o ostacolare l’accesso e lo sviluppo di altri fornitori e, in particolare, del nuovo operatore Mytaxi, che offre servizi innovativi di questo tipo e opera secondo un modello di piattaforma “aperta”, nel mercato dei servizi di raccolta e smistamento della domanda del servizio taxi nel Comune di Torino.

Nella giornata del 16 ottobre 2018 i funzionari dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con l’ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, hanno eseguito le ispezioni nelle sedi della cooperativa interessata, parte del procedimento, ritenuta in possesso di elementi utili ai fini dell’accertamento.